Pubblicato il

Libreria per contenere e dividere ambienti

Arredo versatile e funzionale, la libreria si adatta alle diverse esigenze di una casa, offrendo molteplici soluzioni organizzative. Eccone alcune.
Elemento contenitivo, parete divisoria, piccola architettura espressiva: sono diverse le possibili declinazioni di una libreria. Oggi che nelle nostre case le funzioni si mescolano in modo fluido, praticamente senza soluzione di continuità, l’arredamento si adegua a queste nuove esigenze, diventando utile comprimario e servitore per un contenimento variegato e multiforme.
Così accade anche – e forse soprattutto – per la libreria, sempre meno oggetto concluso in sé e sempre più sistema giorno evoluto, concepito come un programma libero e flessibile. Pronto a diventare di volta in volta, oltre che libreria, elemento contenitivo ed espositivo con vani chiusi o a giorno, parete divisoria freestanding più o meno permeabile alla vista e alla luce, superficie attrezzata per organizzare la tecnologia di casa.
I programmi oggi disponibili contemplano una tale varietà di palette cromatiche, di finiture, di materiali che la scelta può diventare complessa. Sempre corretta la scelta di optare per una “base” neutra – strutture portanti orizzontali e verticali principali – a cui aggiungere qua e là piccoli tocchi di colore o di matericità. Sarà così più facile mantenere inalterato nel tempo lo charme di una libreria e non farla apparire demodé dopo poco tempo. Anche in ambienti apparentemente più informali, come ad esempio la stanza dei bambini: in tal modo la libreria crescerà con loro semplicemente arricchendosi di elementi, senza necessità di sostituirla totalmente.
Di aiuto anche l’alternanza di pieni e di vuoti – contenitori a giorno e volumi chiusi da ante o vetrine – che se ben calibrati possono trasformare la libreria nell’originale elemento focale di una intera casa. Offrendosi agli ospiti come una sorta di piccolo museo domestico, in cui valorizzare e proteggere ciò che ci è caro.
La libreria che contiene e organizza
I sistemi più attuali non contemplano solo il semplice susseguirsi di elementi verticali e di mensole: tanti sono i complementi disponibili, dai volumi a giorno alle teche trasparenti, dai cassetti ai contenitori con ante a battente o a ribalta. Alcuni addirittura solo in appoggio sulle strutture portanti, per essere spostati facilmente e adeguarsi in tempo reale al mutare delle esigenze.
Anche gli spessori dei piani orizzontali variano, in funzione dell’utilizzo: mensola, scrittoio, base espositiva… Tante le possibilità compositive da sfruttare costruendo una soluzione su misura, articolata come una vera e propria architettura funzionale in scala ridotta.
La libreria che divide l’ambiente
Quando la superficie di un ambiente è ampia ma non si vuole spezzarne la fluidità o è ridotta e per questo è necessario sfruttare al massimo la permeabilità alla vista e alla luce, può essere utile trasformare la libreria – in versione freestanding a tutta altezza o bassa – in un funzionale setto divisorio.
Le strutture portanti sempre più esili, grazie all’avanzare delle tecniche produttive e alla varietà di materiali utilizzati, permettono soluzioni autoportanti di grande impatto espressivo e nel contempo studiate per avere il massimo grado di contenimento.
In alcuni casi, può essere interessante anche schermare parzialmente delle porzioni della libreria, con pannelli fortemente materici o con lastre di cristallo che funzionino da fondale d’appoggio trasparente.
Clicca per vedere full screen
Nel luminoso soggiorno dominato dal grande camino scenografico, votato all’accoglienza e alla socialità, la libreria Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia in versione freestanding modula lo spazio definendone il grado di riservatezza o di condivisione. Di ispirazione Lausanne – volumi sviluppati in altezza, tagli architettonici di luce – ha montanti realizzati in estrusione di alluminio con finitura verniciata opaca bianca. Le mensole, di alluminio nello spessore di 1,5 cm e profonde 33 cm, sono verniciate opache nella medesima tinta, mentre i due elementi cubici a giorno (semplicemente in appoggio e pertanto riposizionabili a piacere) si contraddistinguono per l’accostamento del bianco opaco e dell’essenza in legno naturale.
Ispirazione Granada – colori caldi, segno grafico leggero, matericità delle superfici – per questa libreria Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che riempie la parete di fondo del soggiorno e risolve l’organizzazione di libri e riviste, oltre che di piccoli oggetti preziosi. In versione a terra e profonda 33 cm, ha sottile struttura portante in estrusione di alluminio verniciato bianco opaco e contenitori sia chiusi da ante a ribalta, sia a giorno nei colori opachi micro-goffrati arancione e bianco. I ripiani, che possono funzionare anche da scrittoio, e alcuni elementi a giorno hanno finitura essenza legno naturale, che porta un tocco di ulteriore matericità all’insieme. Le mensole più sottili (solo 1,5 cm di spessore) sono invece di alluminio verniciato opaco bianco.
Il sistema Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia si adatta perfettamente anche alla stanza dei bambini, assolvendo al compito di organizzare giochi e libri con la medesima eleganza minimale degli ambienti dei grandi. Una soluzione che cresce con l’età dei piccoli adeguandosi alle diverse necessità, semplicemente aggiungendo o rimuovendo gli elementi contenitivi in appoggio. Questa libreria di ispirazione Granada ha struttura portante (profonda 33 cm) in estrusione di alluminio verniciato bianco opaco e mensole estremamente sottili di alluminio anch’esso verniciato bianco opaco. I contenitori, profondi 45 cm, sia a giorno sia chiusi da cassetti, sono in laccato opaco micro-goffrato bianco e arancione, mentre il piano scrittoio e lo schienale sono in variante essenza legno naturale, che aggiunge calore e contemporaneità alla composizione.
Ispirazione Paris – decisi contrasti black and white, dettagli materici, discreti tocchi cromatici – per questa allungata composizione Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che separa senza soluzione di continuità visiva e luminosa l’area pranzo dal resto della zona giorno. La spalla di vetro trasparente a tutta altezza funziona da invisibile schienale e definisce spazi e funzioni. A servizio della convivialità, grazie ai contenitori per le stoviglie e ai ripiani per piccoli elettrodomestici e utensili, la libreria ha i montanti verticali in estrusione di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole. Sempre di alluminio – nello spessore minimo di 1,5 mm – e profonde 33 cm. I contenitori sottostanti sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante sia a ribalta sia a battente e da cassetti.
Ispirazione Paris – decisi contrasti black and white, dettagli materici, discreti tocchi cromatici – per questa allungata composizione Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che separa senza soluzione di continuità visiva e luminosa l’area pranzo dal resto della zona giorno. La spalla di vetro trasparente a tutta altezza funziona da invisibile schienale e definisce spazi e funzioni. A servizio della convivialità, grazie ai contenitori per le stoviglie e ai ripiani per piccoli elettrodomestici e utensili, la libreria ha i montanti verticali in estrusione di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole. Sempre di alluminio – nello spessore minimo di 1,5 mm – e profonde 33 cm. I contenitori sottostanti sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante sia a ribalta sia a battente e da cassetti.
Perfetto per gli spazi giorno contemporanei, in cui funzioni e abitudini si mescolano senza soluzione di continuità, il sistema Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia si distingue per la flessibilità di utilizzo. In questa ampia area della casa dedicata sia alla convivialità, sia allo studio una versione sospesa della libreria consente nel contempo di organizzare libri e riviste e di riporre stoviglie e utensili per la tavola. La struttura portante di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole (di alluminio, spesse 1,5 cm e profonde 33 cm), risalta sul fondo candido della parete, risultando come una architettura in scala ridotta. I due elementi contenitori, in semplice appoggio per poter variare a piacere la composizione in base alle esigenze, sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante a ribalta.

Perfetto per gli spazi giorno contemporanei, in cui funzioni e abitudini si mescolano senza soluzione di continuità, il sistema Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia si distingue per la flessibilità di utilizzo. In questa ampia area della casa dedicata sia alla convivialità, sia allo studio una versione sospesa della libreria consente nel contempo di organizzare libri e riviste e di riporre stoviglie e utensili per la tavola. La struttura portante di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole (di alluminio, spesse 1,5 cm e profonde 33 cm), risalta sul fondo candido della parete, risultando come una architettura in scala ridotta. I due elementi contenitori, in semplice appoggio per poter variare a piacere la composizione in base alle esigenze, sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante a ribalta.
Perfetto per gli spazi giorno contemporanei, in cui funzioni e abitudini si mescolano senza soluzione di continuità, il sistema Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia si distingue per la flessibilità di utilizzo. In questa ampia area della casa dedicata sia alla convivialità, sia allo studio una versione sospesa della libreria consente nel contempo di organizzare libri e riviste e di riporre stoviglie e utensili per la tavola. La struttura portante di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole (di alluminio, spesse 1,5 cm e profonde 33 cm), risalta sul fondo candido della parete, risultando come una architettura in scala ridotta. I due elementi contenitori, in semplice appoggio per poter variare a piacere la composizione in base alle esigenze, sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante a ribalta.
Ispirazione Paris – decisi contrasti black and white, dettagli materici, discreti tocchi cromatici – per questa allungata composizione Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che separa senza soluzione di continuità visiva e luminosa l’area pranzo dal resto della zona giorno. La spalla di vetro trasparente a tutta altezza funziona da invisibile schienale e definisce spazi e funzioni. A servizio della convivialità, grazie ai contenitori per le stoviglie e ai ripiani per piccoli elettrodomestici e utensili, la libreria ha i montanti verticali in estrusione di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole. Sempre di alluminio – nello spessore minimo di 1,5 mm – e profonde 33 cm. I contenitori sottostanti sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante sia a ribalta sia a battente e da cassetti.
Ispirazione Paris – decisi contrasti black and white, dettagli materici, discreti tocchi cromatici – per questa allungata composizione Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che separa senza soluzione di continuità visiva e luminosa l’area pranzo dal resto della zona giorno. La spalla di vetro trasparente a tutta altezza funziona da invisibile schienale e definisce spazi e funzioni. A servizio della convivialità, grazie ai contenitori per le stoviglie e ai ripiani per piccoli elettrodomestici e utensili, la libreria ha i montanti verticali in estrusione di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole. Sempre di alluminio – nello spessore minimo di 1,5 mm – e profonde 33 cm. I contenitori sottostanti sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante sia a ribalta sia a battente e da cassetti.
Ispirazione Paris – decisi contrasti black and white, dettagli materici, discreti tocchi cromatici – per questa allungata composizione Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che separa senza soluzione di continuità visiva e luminosa l’area pranzo dal resto della zona giorno. La spalla di vetro trasparente a tutta altezza funziona da invisibile schienale e definisce spazi e funzioni. A servizio della convivialità, grazie ai contenitori per le stoviglie e ai ripiani per piccoli elettrodomestici e utensili, la libreria ha i montanti verticali in estrusione di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole. Sempre di alluminio – nello spessore minimo di 1,5 mm – e profonde 33 cm. I contenitori sottostanti sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante sia a ribalta sia a battente e da cassetti.
Ispirazione Paris – decisi contrasti black and white, dettagli materici, discreti tocchi cromatici – per questa allungata composizione Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che separa senza soluzione di continuità visiva e luminosa l’area pranzo dal resto della zona giorno. La spalla di vetro trasparente a tutta altezza funziona da invisibile schienale e definisce spazi e funzioni. A servizio della convivialità, grazie ai contenitori per le stoviglie e ai ripiani per piccoli elettrodomestici e utensili, la libreria ha i montanti verticali in estrusione di alluminio nella finitura verniciata grigio grafite, tinta con cui sono finite anche le mensole. Sempre di alluminio – nello spessore minimo di 1,5 mm – e profonde 33 cm. I contenitori sottostanti sono laccati opachi grigio grafite e chiusi da ante sia a ribalta sia a battente e da cassetti.
Il sistema Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia si adatta perfettamente anche alla stanza dei bambini, assolvendo al compito di organizzare giochi e libri con la medesima eleganza minimale degli ambienti dei grandi. Una soluzione che cresce con l’età dei piccoli adeguandosi alle diverse necessità, semplicemente aggiungendo o rimuovendo gli elementi contenitivi in appoggio. Questa libreria di ispirazione Granada ha struttura portante (profonda 33 cm) in estrusione di alluminio verniciato bianco opaco e mensole estremamente sottili di alluminio anch’esso verniciato bianco opaco. I contenitori, profondi 45 cm, sia a giorno sia chiusi da cassetti, sono in laccato opaco micro-goffrato bianco e arancione, mentre il piano scrittoio e lo schienale sono in variante essenza legno naturale, che aggiunge calore e contemporaneità alla composizione.
Il sistema Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia si adatta perfettamente anche alla stanza dei bambini, assolvendo al compito di organizzare giochi e libri con la medesima eleganza minimale degli ambienti dei grandi. Una soluzione che cresce con l’età dei piccoli adeguandosi alle diverse necessità, semplicemente aggiungendo o rimuovendo gli elementi contenitivi in appoggio. Questa libreria di ispirazione Granada ha struttura portante (profonda 33 cm) in estrusione di alluminio verniciato bianco opaco e mensole estremamente sottili di alluminio anch’esso verniciato bianco opaco. I contenitori, profondi 45 cm, sia a giorno sia chiusi da cassetti, sono in laccato opaco micro-goffrato bianco e arancione, mentre il piano scrittoio e lo schienale sono in variante essenza legno naturale, che aggiunge calore e contemporaneità alla composizione.
Ispirazione Granada – colori caldi, segno grafico leggero, matericità delle superfici – per questa libreria Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che riempie la parete di fondo del soggiorno e risolve l’organizzazione di libri e riviste, oltre che di piccoli oggetti preziosi. In versione a terra e profonda 33 cm, ha sottile struttura portante in estrusione di alluminio verniciato bianco opaco e contenitori sia chiusi da ante a ribalta, sia a giorno nei colori opachi micro-goffrati arancione e bianco. I ripiani, che possono funzionare anche da scrittoio, e alcuni elementi a giorno hanno finitura essenza legno naturale, che porta un tocco di ulteriore matericità all’insieme. Le mensole più sottili (solo 1,5 cm di spessore) sono invece di alluminio verniciato opaco bianco.
Ispirazione Granada – colori caldi, segno grafico leggero, matericità delle superfici – per questa libreria Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia, che riempie la parete di fondo del soggiorno e risolve l’organizzazione di libri e riviste, oltre che di piccoli oggetti preziosi. In versione a terra e profonda 33 cm, ha sottile struttura portante in estrusione di alluminio verniciato bianco opaco e contenitori sia chiusi da ante a ribalta, sia a giorno nei colori opachi micro-goffrati arancione e bianco. I ripiani, che possono funzionare anche da scrittoio, e alcuni elementi a giorno hanno finitura essenza legno naturale, che porta un tocco di ulteriore matericità all’insieme. Le mensole più sottili (solo 1,5 cm di spessore) sono invece di alluminio verniciato opaco bianco.
Nel luminoso soggiorno dominato dal grande camino scenografico, votato all’accoglienza e alla socialità, la libreria Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia in versione freestanding modula lo spazio definendone il grado di riservatezza o di condivisione. Di ispirazione Lausanne – volumi sviluppati in altezza, tagli architettonici di luce – ha montanti realizzati in estrusione di alluminio con finitura verniciata opaca bianca. Le mensole, di alluminio nello spessore di 1,5 cm e profonde 33 cm, sono verniciate opache nella medesima tinta, mentre i due elementi cubici a giorno (semplicemente in appoggio e pertanto riposizionabili a piacere) si contraddistinguono per l’accostamento del bianco opaco e dell’essenza in legno naturale.
Nel luminoso soggiorno dominato dal grande camino scenografico, votato all’accoglienza e alla socialità, la libreria Minima 3.0 by Metrica (design Bruno Fattorini) di MDF Italia in versione freestanding modula lo spazio definendone il grado di riservatezza o di condivisione. Di ispirazione Lausanne – volumi sviluppati in altezza, tagli architettonici di luce – ha montanti realizzati in estrusione di alluminio con finitura verniciata opaca bianca. Le mensole, di alluminio nello spessore di 1,5 cm e profonde 33 cm, sono verniciate opache nella medesima tinta, mentre i due elementi cubici a giorno (semplicemente in appoggio e pertanto riposizionabili a piacere) si contraddistinguono per l’accostamento del bianco opaco e dell’essenza in legno naturale.

Pubblicato il

Bonus unico per i lavori condominiali fino all’85%

Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L’incentivo fiscale viene portato fino all’85%

Bonus unico fino all’85%: di cosa si tratta

Arriva il bonus unico, derivante dalla somma di ecobonus e sismabonus, per gli interventi in ambito condominiale finalizzati alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica.
È quanto previsto da un emendamento alla Legge di Bilancio 2018, approvato qualche giorno fa in Commissione Bilancio della Camera.

Bonus unico per lavori condominiali
L’iniziativa, partita da Antonio Misiani del partito democratico, ha portato alla definizione di due tipologie di beneficio:

– il bonus dell’80% qualora gli interventi effettuati comportino il passaggio a una classe di rischio sismico inferiore;

– il bonus dell’85% qualora gli interventi determinino il passaggio a due classi inferiori.

Si tratta di un’agevolazione fiscale prevista per i contribuenti che effettuino interventi in stabili condominiali che, congiuntamente, consentano la riqualificazione energetica e la riduzione del rischio sismico. Il bonus unico permetterà di detrarre dall’Irpef o dall’Ires le spese sostenute per i lavori effettuati.

Lo spirito della norma è quello di incentivare le opere su case ed edifici in condominio, situati in zone sismiche. La detrazione dovrà essere ripartita in dieci quote annuali di identico importo e si applicherà su un valore di spesa non superiore a 136 mila euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ogni edificio.

Altra misura approvata in sede di modifiche apportate alla Legge di Bilancio 2018 è l’Ecobonus al 65% per le caldaie in classe A con termovalvole.
L’ecobonus, prima fissato al 50% per tutti i tipi di impianti, ha subito una variazione per effetto di un emendamento.
L’incentivo sarà pari al 50% per le caldaie a condensazione di classe energetica A e non sarà invece consentito per quelle sotto alla prima classe.
Il bonus invece arriverà al 65% qualora con la caldaia a massima efficienza verranno montate dei sistemi di termoregolazione come le valvole dei termosifoni.

Pubblicato il

Valvole termostatiche intelligenti di ultimissima generazione

Se volete gestire il vostro riscaldamento in modo hi-tech, una soluzione interessante è il termostato intelligente compatibile con il 95% degli impianti termici.

Una gestione intelligente del riscaldamento

Oltre il 30% del consumo mondiale di energia è determinato da riscaldamento e raffreddamento degli edifici. Il riscaldamento è responsabile per il 60% dell’ammonto della bolletta energetica di una famiglia tipo e spesso ciò è dovuto all’utilizzo di una tecnologia obsoleta.

Attualmente, diverse aziende del settore degli impianti termici hanno sviluppato termostati intelligenti capaci di far ottenere un notevole risparmio di energia, diminuendo l’impatto ambientale e le spese di riscaldamento.

 

Indipendentemente dalla tipologia di abitazione ( casa singola, condominio), e dal tipo di impianto di riscaldamento: centralizzato, autonomo, a pavimento, a parete, pompe di calore, i nuovi sistemi di gestione smart, consentono un risparmio energetico, riducendo automaticamente la temperatura impostata quando nessuno è in casa e creando una strategia di regolazione su misura, apprendendo nel tempo le caratteristiche strutturali dell’abitazione ed adattandola in base ai dati meteo.
La valvola termostatica di ultima generazione

L’azienda Tado ha messo a punto la Testa Termostatica Intelligente che si connette a internet e gestisce il sistema di riscaldamento o i termosifoni.
Il Termostato Intelligente regola il riscaldamento della propria abitazione in modo automatico: abbassa la temperatura quando si esce di casa e la rialza quando si rientra.

Tramite l’app, installata sul proprio smartphone, TADO° controlla il riscaldamento in base alla propria posizione. Se si desidera, si può gestire il proprio riscaldamento anche manualmente o da remoto.

Il sistema tiene conto dei dati meteorologici per risparmiare energia e apprende anche le caratteristiche termiche del proprio edificio per riscaldare in modo più efficiente.

Valvola termostatica smart – TADO°
Il rilevamento finestra aperta riconosce sia gli sbalzi di temperatura che quelli di umidità che normalmente avvengono quando si aprono le finestre e di conseguenza spegne il riscaldamento per fare risparmiare. L’andamento della temperatura può essere seguito attraverso report accessibili via app ed è possibile inoltre verificare il consumo energetico del proprio riscaldamento.

Se si hanno problemi con la connessione internet o il cellulare è scarico, si può gestire il proprio impianto di riscaldamento interagendo direttamente con il Termostato Intelligente.

Il sistema consente di gestire separatamente più zone o circuiti grazie all’applicazione e può essere integrato con vari servizi per smart home come Apple Homekit, Amazon Alexa o Google Assistant.

L’installazione è in fai da te. Se si desidera si può comunque ordinare il Servizio d’installazione.
Elettrovalvola smart per ogni tipo di impianto

La valvola termostatica TADO° è stata appositamente sviluppata per funzionare con il maggior numero possibile di impianti di riscaldamento, indipendentemente dall’anno di costruzione.
Sia che si abbia una caldaia datata o una pompa di calore geotermica all’avanguardia, Tado° è uno dei pochi termostati pensati per essere compatibile con la maggior parte dei sistemi e interfacce delle marche europee.
Valvole termostatiche hi-tech – TADO°
Può essere collegato con quasi tutte le tipologie di impianti di riscaldamento, indipendentemente dall’anno di produzione e del fatto che si tratti di un sistema a pavimento o con radiatori.
Il sistema non si limita ad attivare o spegnere semplicemente il riscaldamento ma riceve informazioni, codici errore, dati di funzionamento e li analizza per ottimizzare il funzionamento dell’impianto stesso.

L’impianto di riscaldamento, in caso di mancata connessione a internet, può essere controllato direttamente dal dispositivo. La connessione a internet è necessaria solo per la gestione via smartphone o web-app.
Il sistema modulare per una temperatura e comfort ottimale

La regolazione classica, presente nella quasi totalità delle abitazioni, prevede un unico termostato per azionare l’impianto di riscaldamento.
Se il termostato è collocato nella stanza più fredda, solo in questa stanza il sistema di riscaldamento installato fornirà esattamente la potenza richiesta per mantenere l’ambiente alle condizioni desiderate: in tutte le altre stanze la temperatura non potrà essere regolata. Conseguentemente, ci potranno essere sprechi o situazioni di discomfort termico .

Il sistema NOW dell’azienda Irsap riesce a mantenere profili di temperatura diversi ambiente per ambiente, riduce al minimo l’avviamento e lo spegnimento del generatore e sfrutta i vantaggi dell’inerzia termica dei radiatori in acciaio, per controllare le temperature e far lavorare meglio il generatore.
Riscaldamento smart – Sistema NOW IRSAP
NOW è un sistema: le Modulating Elwectronic Heads, montate sui radiatori, hanno un evoluto algoritmo di controllo progettato per ogni modello di corpo scaldante IRSAP.
La temperatura è mantenuta perfettamente al valore desiderato, grazie ad un avanzato controllo della portata d’acqua al radiatore. Quest’ultimo aspetto esalta il comfort termico, garantisce il funzionamento ottimale delle caldaie e delle pompe di calore e si propone di semplice utilizzo per l’utente finale.

L’utilizzo di NOW è immediato. La programmazione delle fasce orarie, diversificata per singolo ambiente, è impostata sull’unità centrale in modo semplice e intuitivo.
Temperatura sotto controllo grazie al colore del calore

La Modulating Electronic Head è dotata di una piacevole illuminazione a led di varia colorazione, attiva in fase d’impostazione.
L’utente è in grado di cogliere immediatamente il livello di temperatura selezionato solamente osservando il mutare della scala cromatica.

Valvola termostatica LED colorato – IRSAP
Concentrato di tecnologia e design made in Italy, il sistema esprime un nuovo modo di vivere il benessere. Il colore come protagonista. Le Modulationg Electronic Heads Now si fondono con il radiatore diventando un corpo unico grazie all’ampia gamma di nuances IRSAP disponibili.
Valvole termostatiche: soluzioni su misura

Prendiamo come esempio un appartamento di 80 mq abitato da una coppia di anziani dalle abitudini consolidate e con poca dimestichezza con le nuove tecnologie, che ogni tanto ospitano il nipotino per la notte.

Non sempre le nuove tecnologie sono più difficili da usare di quelle vecchie.
Il sistema NOW può essere installato semplicemente sostituendo il vecchio termostato con il Generator Master Built In.

Valvole termostatiche Sistema NOW – IRSAP
La Control Unit è estremamente semplice e intuitiva da usare, ma non sempre necessaria.
Impostando le camere in modalità Fasce Orarie Automatiche, il Sistema NOW modificherà automaticamente il settaggio delle fasce orarie imparando dai nostri comportamenti.

Per avere più o meno caldo in una stanza basterà ruotare la manopola della Modulating Electronic Head di un radiatore presente nella stanza.

Come garantire all’ospite il massimo comfort durante la sua permanenza senza sprecare denaro in sua assenza? Semplice. Una volta impostata la camera degli ospiti in Modalità Manuale, basterà ruotare la manopola della Modulating Electronic Head finchè il colore diventerà verde: comfort per l’ospite.

Terminato il periodo di soggiorno basterà ruotare Testa Termostatica Modulante finché il colore diventerà blu: massimo risparmio.
Valvole termostatiche per una facile gestione della casa

In una abitazione abbastanza grande, con più camere, il risparmio ottenuto con il Sistema NOW è sensibilmente maggiore. È possibile assegnare fasce orarie diverse anche per ogni stanza, riscaldando un determinato ambiente solo quando serve.

Se si hanno bambini vivaci, è possibile proteggere la Control Unit tramite password.
Per non riscaldare inutilmente l’abitazione quando la collaboratrice domestica apre tutte le finestre per arieggiare la casa durante le pulizie, basta un semplice click sul riconoscibilissimo tasto Pausa nella Control Unit.

L’impianto di riscaldamento verrà spento in tutta la casa, permettendo di fare le pulizie senza sprechi di denaro.
NOW è facile da usare e da installare.
Il montaggio delle Modulating Electronic Heads wireless sui corpi valvola è identico a quello delle tradizionali valvole termostatiche.

IL sistema non è invasivo ed è particolarmente adatto ad ogni tipo di intervento, dalle ristrutturazioni più complesse alla sostituzione dei radiatori esistenti. Le Modulating Electronic Heads wireless non richiedono alcun collegamento elettrico.

Il sistema NOW si propone anche come sostituzione delle valvole esistenti termostatiche e non, anche se è stato studiato appositamente per far lavorare in modo ottimale i radiatori IRSAP con i generatori più evoluti, dalle caldaie a condensazione fino alle pompe di calore.

Pubblicato il

Cucine a scomparsa dal design moderno

Nascondere la cucina è spesso un’esigenza estetica di coloro che abitano in un piccolo appartamento o devono organizzare al meglio un unico spazio polifunzionale.

Perché nascondere la cucina?

Voler nascondere la cucina, tutta o in parte, è un’esigenza estetica diffusa nei monolocali o negli ambienti open space multifunzionali.
Lo spazio esiguo a disposizione in un piccolo appartamento, dove tutto il living è a vista direttamente dall’ingresso, porta a scegliere una soluzione a scomparsa, per avere un buon impatto visivo.

Anche quando si vuole arredare un unico spazio con due funzioni complementari ma distinte, come nel caso di una cucina in ufficio, occorre gestire il progetto con soluzioni che prevedono una cucina armadio o a scomparsa.

 

Il settore delle cucine attualmente fornisce numerosi modelli di sicuro impatto scenografico e tecnologicamente innovative. Gli spazi limitati, ma anche gli open space più grandi, sono da concepire in maniera polifunzionale e quindi occorre poter gestire velocemente il passaggio da una funzione all’altra.

La soluzione della cucina a scomparsa rappresenta una scelta estetica per quanti amano condividere gli spazi oppure privilegiano la funzione relax dell’ambiente soggiorno rispetto a quella più operativa della cucina.

Le cucine a scomparsa belle e compatte, sono elementi ingegnosi perché quando sono aperte sono in tutto e per tutto delle cucine monoblocco, mentre da chiuse possono diventare una parete, una credenza, uno spazio pulito e bello da esibire.

Le caratteristiche principali delle cucine a scomparsa risiedono quindi nel design delle loro ante, nei flessibili e sofisticati sistemi di apertura e di chiusura e nella volontà di generare spazi comuni che in un attimo regalano ampiezza e ordine agli abitanti.
Cucine a scomparsa moderne

Le moderne cucine a scomparsa sono ideate per rispondere alle esigenze di flessibilità per adattarsi a tutti i momenti del vivere contemporaneo. Il design deve essere pratico e funzionale e allo stesso tempo esteticamente impeccabile.

Una volta chiusa, la cucina a scomparsa in forma monoblocco, lascia lo spazio operativo per svolgere un’altra funzione. Piani scorrevoli con semplici movimenti, consentono, una volta concluso il momento dedicato alla cucina, di creare un living dall’aspetto ordinato e confortevole.

Oggigiorno la domotica gioca un ruolo importante nell’impostazione progettuale di queste soluzioni a scomparsa. Meccanismi basati su sensori di sicurezza controllano che il movimento di chiusura dei piani avvenga senza la presenza di oggetti che possano ostacolarne il funzionamento.

Cucina a scomparsa – Boffi
La cucina a scomparsa HIDE di BOFFI spa è un sistema di monoblocco realizzato da moduli componibili con una limitazione dimensionale basata sul modulo singolo. È possibile allestire internamente ogni modulo, con basi del Programma Standard Boffi.

I vari moduli attrezzabili con ripiani, contenitori e cassetti, elettrodomestici, vengono nascosti mediante ante disponibili in tre varianti: a battente, rientrante o pieghevole rientrante.
Si può affiancare un modulo specifico per la funzione lavanderia, in grado di accogliere lavatrice e asciugatrice di formato standard, con annesso vano per asse da stiro pieghevole, porta scope e portabiancheria estraibile.
Cucine monoblocco

L’azienda di arredamento SNAIDERO RINO spa presenta modelli di cucine a scomparsa compatte, attrezzate e personalizzabili per finiture e dotazioni. Le minicucine sono ideali per arredare i piccoli spazi di monolocali, residence, case di villeggiatura, contract oppure aree relax negli ambienti di lavoro e permettono di godere di tutte le funzioni di una normale cucina.

MiniSystem è una cucina mini che si presenta come un monoblocco completamente autosufficiente, disponibile in due misure: da 162,4 cm e da 182,4 cm di larghezza, perfettamente adattabile a qualsiasi tipo di ambiente. Il meccanismo di apertura della zona operativa a scomparsa, infatti, ha il grande vantaggio di potersi mimetizzare nella stanza consentendo un utilizzo differente del medesimo spazio.

Cucina moderna a scomparsa MiniSystem- Snaidero
In pochi centimetri vengono racchiuse le funzioni fondamentali della cucina, con elementi di contenimento, preparazione, cottura, lavaggio e conservazione.
Le dotazioni di serie consistono nel piano operativo, attrezzato di piano cottura elettrico da 2 fuochi, un lavello a 1 vasca, un portaposate, la cappa estraibile e un tagliere da posizionare sul lavello. Il pannello di protezione in acciaio inox su fianchi e nello schienale è incluso.

Cucina a scomparsa MiniSystem- Snaidero
Numerose sono le dotazioni opzionali possibili, tra le quali ricordiamo la predisposizione per l’inserimento del frigorifero, e della lavastoviglie sotto il piano di cottura. C’è anche la possibilità di inserire un tavolo estraibile come ulteriore soluzione di appoggio o di preparazione.

Un’ampia scelta di accessori per l’organizzazione degli interni: tagliere, portabottiglie, contenitori per i cestoni, set pattumiere, ecc.

MiniSystem offre anche numerose opportunità di arredare lo spazio con pratiche soluzioni living: mobili da giorno, mensole, basi living consentono di progettare l’ambiente in continuità estetica e di materiali con il monoblocco.
Minicucina a scomparsa su misura

La minicucina a scomparsa è visibile solo quando necessario e rimane completamente nascosta durante gli altri momenti della giornata. I modelli di minicucine proposti dall’azienda Sizedesign sono realizzati con materiali e finiture che li rendono integrabili anche negli ambienti più sofisticati.

Perfette per arredare monolocali, ostelli, tavernette, residenze anziani, ospedali ed anche le aree ristoro break all’interno di uffici ed ambienti commerciali, offrono massima funzionalità e praticità con tutte le dotazioni ed elettrodomestici di una cucina tradizionale: piani cottura, lavello, frigorifero, lavastoviglie, forno e lavatrice.

Cucina monoblocco a scomparsa – SIZEDESIGN
Sono dotazioni di serie: il base lavello con fondo di protezione in alluminio; la base per incasso frigorifero; il top in laminato idrorepellente con bordo salvagocce in alluminio; piano cottura inox con 2 piastre elettriche; rubinetto miscelatore monocomando cromato; cappa filtrante; scolapiatti in acciaio inox con vaschetta raccogli gocce; 2 prese schuko a scomparsa, con coperchio a molla; pattumiera scorrevole con 2 secchi estraibili; colonna 60 cm con ripiani uso dispensa o predisposta per frigo da 205 lt; cerniere per ante di base ammortizzate; zoccolo asportabile in plastica e alluminio.

Si possono anche inserire piani di lavoro e tavoli estraibili, penisole scorrevoli, vani a scomparsa, colonne dispensa, colonne libreria, colonne di servizio speciali e altro ancora.

Cucina a scomparsa- SIZEDESIGN
Soluzioni di chiusura originali e innovative: ante scorrevoli con apertura a libro, ante rientranti nei fianchi, coperchi a ribalta, serrandine in Abs o alluminio anche motorizzabili con telecomando.

Sizedesign progetta e realizza minicucine su misura a scomparsa senza limiti di dimensione, personalizzate con la possibilità di integrare altri elementi di arredo come librerie living, letti a scomparsa, armadi guardaroba, uniformando materiali e finiture in un’unica soluzione d’arredo.
Cucina box a scomparsa

La cucina Tivalì di Dada Spa è più di una cucina, è una box kitchen che appare e scompare magicamente quando serve. Le grandi ante, scorrendo, scompaiono nei vani laterali con un movimento fluido e leggero, grazie al meccanismo brevettato da DADA.

Cucina box a scomparsa Tivalì- DADA
L’illuminazione è straordinariamente scenografica, lo schienale diventa una parete a LED.
Tivalì è disponibile nella forma lineare e angolare, adattandosi alle differenti esigenze ma mantenendo invariati i suoi elementi fondativi.

DADA ha scelto Foster come partner per i top in acciaio, per sviluppare un prodotto esteticamente eccellente, tecnicamente all’avanguardia e accessoriabile con piani di cottura e lavelli, perfettamente integrati nel design della cucina.
Il progetto coniuga design e funzionalità, attraverso soluzioni tecnologicamente innovative eppure discrete.
Tutti i cassetti e i cestoni sono dotati dei nuovi movimenti Dada by Grass.

La collezione INDada prevede il movimento NovaPro, standard di riferimento di tutti i costruttori mondiali di alta gamma.

La cucina Tivalì a scomparsa è pensata e progettata per spazi moderni e contemporanei, contribuendo a donare eleganza allo spazio living di ogni abitazione.

Una gamma di volumi puri e linee semplici, caratterizzata da moduli accostati dà vita a un blocco reversibile, rifinito e dettagliato nei particolari che da aperto mostra tutto il suo essere funzionale e da chiuso appare come un moderno e lineare guardaroba.

Pubblicato il

Fuorisalone Milano: il trionfo dell’artigianato

Le imprese artigiane al fuorisalone per dimostrare agli amanti del design e dell’arredo che il futuro è appunto artigiano, con una carica singolare e innovativa.
Per gli amanti del design e dell’arredo, ogni anno a Milano c’è un appuntamento imperdibile che offre sicuramente numerosi spunti per incontrare le menti più brillanti e le aziende più esclusive del settore arredamento: il Salone Internazionale del Mobile di Milano,e con esso il reticolo di proposte per le vie della città con il Fuorisalone.

La design week è un appuntamento tanto atteso da chi cerca idee e tendenze ispiratrici per rinnovare l’aspetto della propria casa, per introdurre arredi di nuova generazione ma dal sapore tradizionale e artigianale.

 

Diversi studi di progettazione e di architettura, sia emergenti sia affermati, trovano nel salone del mobile Milano la vetrina più appropriata per comunicare e cominciare a diffondere i propri progetti più avanzati tecnologicamente ed esteticamente.

L’azienda BertO partecipa costantemente a eventi design tra cui questo appena menzionato e ogni volta si pone l’obiettivo di trasferire un messaggio chiarissimo: il futuro è artigiano.

Ha partecipato a diverse edizioni portando con sé sempre una carica innovativa e la collaborazione di diverse persone desiderose di dare sviluppo all’artigianato.

L’azienda BertO al Fuorisalone
Il progetto che maggiormente ha segnato il modo di produrre considerando il cliente al centro delle esigenze, è stato senz’altro quello che ha coinvolto il processo di co-creazione, ovvero Crowdcrafting, che ha visto il coinvolgimento di artigiani, progettisti, docenti universitari, studenti, clienti e gente comune nella creazione di un divano.

Crowdcrafting, infatti, significa letteralmente creare insieme alle persone, e BertO lo ha messo in pratica in diverse occasioni, con DivanoXmanagua, Sofa4Manhattan e Vanessa4newcraft.
Il crowdcrafting di DIVANOXMANAGUA

DivanoXmanagua è il nome di un modello di divano creato dall’azienda brianzola BertO, il primo progetto di co-creazione e quindi un crowdcrafting per il sociale.

Un progetto sviluppato in sei sessioni di lavoro aperte al pubblico tra Meda, Roma e Milano, un lavoro che ha visto protagonisti i giovani studenti di tappezzeria dell’istituto Terragni di Meda più i giovani nicaraguensi, ben 400 mani, per la realizzazione di un divano unico, tecnologicamente avanzato e dal sapore tradizionale.

DivanoXmanagua
Grazie a Terre des Hommes Italia e al ricavato della vendita del divano, i giovani studenti hanno potuto così frequentare corsi di falegnameria e tappezzeria al mercato Maioreo in Nicaragua.

Il divanoXmanagua si può realizzare su misura e acquistarlo anche comodamente online oppure presso gli showroom BertO, con il vantaggio di ricevere una consulenza dal personale a disposizione, la descrizione di ogni singolo dettaglio, la spiegazione del comfort e ogni specifica tecnica necessaria.

Si tratta di un divano senza precedenti nella storia del design, è nato dal lavoro di designer, artigiani, studenti e amici che insieme hanno collaborato per qualcosa di inedito, dal design unico, moderno nelle proporzioni e nel comfort, arricchito di sofisticate lavorazioni tradizionali e sartoriali.

La lavorazione capitonné è riproposta in chiave moderna mediante materiali e tecniche costruttive innovative, realizzata sia all’interno sia all’esterno del divano.

Il crowdcrafting di DivanoXmanagua
La struttura è in legno massello più acciaio con molleggio costituito da molle in acciaio biconiche e cinghie elastiche incrociate, la garanzia attribuita è di 20 anni.

L’imbottitura è in poliuretano espanso a quote differenziate, i piedini sono in marmo di Carrara, il rivestimento può essere scelto in tessuto, pelle oppure ecopelle non sfoderabile. Infine, il cuscino aggiuntivo ha dimensioni pari a 90×90 cm ed è in piuma d’oca.
Fuorisalone: il crowdcrafting di SOFA4MANHATTAN

Sofa4manhattan è il secondo progetto di crowdcrafting per il design, realizzato da BertO in collaborazione con Design-Apart e Stefano Micelli, con creativi internazionali e abitanti di New York per una tipologia in linea con gli ideali estetici e tecnici di Manhattan.

Il design è firmato Lera Moiseeva con la collaborazione di Luca Nichetto. Il prodotto nasce da un workshop nel living showroom di Design-Apart sulla 25th street.

È una seduta imbottita realizzabile su misura e acquistabile online oltre che presso gli showroom di vendita diretta, è caratterizzata da una struttura con base di acciaio rivestita in cuoio, da schienali in legno, un cuscino di seduta in poliuretano espanso a quote differenziate.

Divano Sofa4manhattan
La garanzia di questo divano è di 20 anni, i piedini sono di legno rivestiti in cuoio con puntale in ottone oppure in acciaio più legno in finitura nero opaco. Il rivestimento è a scelta tra molteplici tessuti, pelle o ecopelle, messi a disposizione, inoltre anche un vassoio in rovere con finitura Danish oil in dotazione e cuscini decorativi.

Il divano è da tre posti e può avere schienali alti e bassi, tutti bassi, braccioli e schienali alti; la poltrona misura 135×95 cm con altezza di 130/76 cm.
Il crowdcrafting di VANESSA4NEWCRAFT

Vanessa4newcraft è un altro progetto di crowdcrafting dedicato alla nuova dimensione del fare, accompagnata da una nuova generazione di artigiani; è una poltrona in denim, un prodotto dal design originale, dall’espressione della tradizione artigiana e dell’innovazione tecnologica.

L’azienda BertO l’ha realizzata all’interno di New Craft, la mostra curata da Stefano Micelli in occasione della XXI Triennale di Milano, insieme a visitatori, clienti, studenti, amici, esponenti del mondo accademico e istituzionale.
La poltrona può essere realizzata secondo le necessità estetiche e dimensionali della committenza con dettagli, cuciture, rivestimenti, misure personalizzate, e quindi ciò è sola prerogativa di un prodotto artigianale fatto a mano.

È una seduta imbottita moderna, caratterizzata dalla lavorazione capitonné e da un rivestimento in jeans invecchiato a mano per una resa contemporanea e in linea con i trend attuali.

Lo schienale è alto e avvolgente, l’imbottitura è soffice e portante in poliuretano espanso a quote differenziate, i bottoni sono personalizzabili in resina e quindi sono stampati in 3D su disegno originale, rivestiti anch’essi in denim oppure in acciaio, i piedini sono in acciaio ramato secondo il disegno BertO Design Studio.

Divano Vanessa4newcraft di BertO
La struttura della poltrona è in legno multistrato con cinghie elastiche verticali e orizzontali, lo schienale è in masonite curvata, il rivestimento in denim non è sfoderabile, le misure corrispondono a 67 x 86 x H 100 cm. Si può abbinare anche un pouf di larghezza 58 cm, profondità 58 cm e altezza 40 cm.
Il crowdcrafting di BertO è anche a catalogo

BertO offre ai propri clienti la possibilità di fare un’esperienza particolare: partecipare alla realizzazione del proprio divano, poltrona, letto o divano letto affiancando i maestri artigiani nel laboratorio di Meda.

L’azienda è specializzata nella produzione di imbottiti su misura per le zone living e area notte; è una realtà dinamica e molto attiva che ha l’obiettivo di rendere accessibili le produzioni artigiane di qualità e soprattutto su misura mediante una distribuzione moderna.

BertO e l’artigianalità
Specializzata dunque nella realizzazione su misura, Bert0 progetta, produce e vende direttamente salotti e in modo particolare divani, letti e complementi di arredo per un comfort e benessere domestico di qualità. Il personale garantisce anche i servizi di progettazione, il rifacimento di divani e la consulenza per l’arredo di interni.

BertO possiede showroom monomarca a Meda (MB), Roma, Torino, Padova e anche un punto vendita a Parma.

Pubblicato il

A Milano, Artigiano in Fiera sancisce l’inizio dello shopping natalizio

Dal 2 al 10 dicembre a Milano ritorna Artigiano in Fiera, l’appuntamento con le creazioni handmade per la casa che dà inizio alle spese per le feste di Natale.

Inizia lo shopping di Natale con Artigiano in fiera 2017

Ritorna Artigiano in fiera 2017, l’evento milanese che sancisce l’inizio dello shopping natalizio.
Sarà come sempre Fieramilano (Rho-Pero) a ospitare la manifestazione promossa da Ge.Fi. – Gestione Fiere Spa, che avrà luogo dal 2 al 10 dicembre. Nove giorni interamente dedicati alla produzione artigiana, per vivere il Natale e il suo simbolico scambio di doni all’insegna della qualità, dell’handmade e dello sviluppo sostenibile.

Artigiano in Fiera 2017
Ormai giunta alla sua XXII edizione, Artigiano in fiera è una rassegna di respiro internazionale, crocevia di linguaggi creativi, di culture che si incontrano e si scambiano emozioni. L’edizione 2017 prevede un focus sulla tradizione manifatturiera orientale e mediorientale, precisamente della Cina, dell’Iran e del Senegal.

Sono tre le sezioni principali di questa manifestazione che celebra la manualità, il fare creativo, l’unicità del pezzo:

– Moda&Design per l’abbigliamento
– Salone della creatività per l’hobbistica
– Abitare la Casa per l’arredamento e i complementi d’arredo
Abitare a Casa è ospitato al Padiglione 4; qui gli artigiani del mobile metteranno in mostra le loro abili creazioni che toccheranno tutti i principali stili d’arredo, ovvero, classico, moderno, etnico e minimal. L’artigiano in fiera è dunque un’occasione per trovare qualcosa di speciale per la casa ma anche per regalare un pezzo unico, handmade alle persone care per Natale.

Una delle novità di questa edizione sarà il debutto di Artimondo home collection, una collezione dedicata alla casa innovativa, che coniuga estetica e abitabilità secondo le rinnovate esigenze di impiego della tecnologia.

Pubblicato il

Addobbi di Natale: realizzare palline fai da te

Le palline di Natale fai da te decorano e personalizzano l’albero in modo sorprendente e inusuale, meno tradizionale, con creatività, ricercatezza e prestigio.
Palline Natale fai da te per alberi originali

Natale ormai è alle porte e bisogna prepararsi ad allestire la casa con decori nuovi e idee originali, rinnovare l’immagine domestica con poco e con effetto, predisporsi ad accogliere amici e familiari in uno spazio caldo e confortevole.

I decori natalizi sono realizzati e immessi sul mercato da diverse aziende, se ne trovano di tutti i tipi, colori e materiali. Ma è certamente interessante e stimolante realizzarli in fai da te per avere piena soddisfazione del lavoro fatto, dell’ambiente creato.

Occorre però cominciare in largo anticipo così da avere un bel po’ di elementi pronti già agli inizi di dicembre; bisogna individuare e capire quale angolo della casa destinare all’allestimento, come decorarlo, in che stile, con quali colori.

 

Tra i tanti addobbi natalizi, immancabile è l’albero che va collocato in un posto preciso, in un angolo ben visibile da più punti di vista e al contempo in una zona che non crea fastidio alla mobilità.

Decorare un albero di Natale è divertente ma richiede tempo e dedizione, specie se composto con decori e palline natalizie fai da te. Bisogna procurarsi anche delle belle luci, quindi stabilire se inserirle tutte di un colore oppure di vario tono, a intermittenza o con ritmo fisso e scandito.

Per ridurre i tempi di realizzazione, bisogna avere le idee chiare, non lasciarsi confondere da tutto ciò che si vede nei negozi e anche sul web, inquadrare ciò che più piace e che si abbina maggiormente allo stile d’arredo della propria casa.
Come fare palline di Natale

Le palline di Natale fatte a mano sono di una bellezza sorprendente, proprio perché non hanno l’aspetto di un prodotto industriale ma la veste di qualcosa di inusuale, di casereccio, proprio di tutto quel che riguarda una festa popolare tramandata di generazione in generazione.

Un’idea facile e carina per creare le palline Natale è procurarsi delle sfere di plastica trasparente, quelle che si vendono solitamente nei negozi di bricolage per pochi euro a confezione, aprirle e inserire una serie di cartoncini colorati ritagliati a forma di cerchio, una specie di coriandoli a misura maggiore, sigillare la sfera e decorarla a piacimento esternamente, con del panno lencio.

Palline di Natale trasparenti, by ecoo.it
Nell’esempio raffigurato in foto, si è inserito del panno lencio alla sommità della sfera, in apertura, creando una specie di cappelletto con un taglio a zig zag, con punte triangolari verso il basso a ricordo di elementi di ghiaccio; successivamente si è cosparsa l’intera superficie della palla di Natale con del glitter colorato fucsia e bianco, per conferire un tocco glamour e il senso proprio della festa.

Un altro modo interessante di creare palline di Natale è usare il feltro, materiale presente in commercio in diversi colori, facile da recuperare tra i materiali di scarto, oppure sempre nei centri commerciali al settore bricolage e fai da te .

La pallina dell’immagine sottostante è stata pensata con una serie di strati di feltro sovrapposti tra loro, il primo di colore marrone è quello di maggiori dimensioni e ripresenta la forma di una pallina sferica con il gancio per appendere, poi un successivo strato di colore bianco smerlettato perimetralmente a formare una specie di fiorellino, segue lo strato celeste circolare.

Addobbi alberi di Natale, by Pianetabambini.it
Le superfici di tono marrone e celeste sono caratterizzate da un tratto di cucitura alternato che è possibile sostituire anche con un disegno inciso con pennarello bianco; a completare l’opera ci sono dei bottoni rossi cuciti a incrocio e due foglie di agrifoglio ricavate dal feltro di colore verde.

La composizione si completa con l’inserimento di un cordino a filo intrecciato rosso e bianco che conferisce proprio il sapore della festività e dà un tocco di ricercatezza alla creazione davvero originale e semplice nel suo insieme.

Di tipologia simile è quest’altro genere di palla natalizia nella foto in basso: sono idee insolite per albero di Natale, fatte sempre di feltro colorato, a partire dal ritaglio di due cerchi di uguale dimensione, cuciti tra loro con un punto a macchina o manuale, utilizzando del filo a contrasto tonale.

Per chi non è pratico con l’arte del cucito, è possibile unire i due cerchi ritagliati con della colla a caldo ricordandosi di lasciare uno spazio libero per l’inserimento dell’ovatta o di altra imbottitura.

Palline albero di Natale, by Pianetabambini.it
A chiusura completata, si possono aggiungere i due pezzettini di forma trapezoidale, di colore grigio scuro, per creare la sommità della pallina e mascherare la giunzione dei lembi dell’anello di nastrino blu, utile ad appendere all’albero la creazione handmade.

Queste decorazioni per albero di Natale possono essere lasciate semplici oppure decorate ancor di più realizzando altri cerchi colorati da inserire sul fronte; questi dischetti decorativi devono avere dimensioni inferiori rispetto al cerchio disegnato inizialmente, devono essere cuciti allo stesso modo oppure incollati e poi devono riportare il dettaglio del cristallo di ghiaccio fatto a punto largo con un filo bianco.
Palline di Natale con la lana

L’idea del Natale inevitabilmente rievoca l’immagine della lana, di quei materiali caldi e avvolgenti che conferiscono tepore in una stagione caratterizzata dal freddo invernale.

Lavoretti di Natale fai da te facili sono proprio le palline di lana che possono essere fatte avvolgendo semplicemente della lana colorata attorno a palline polistirolo Natale oppure qualsiasi altro genere di pallina, magari fatta anche con della carta arrotolata e bloccata con dello scotch carta.

Per chi è pratico della lavorazione ai ferri, ci si può divertire creando spettacolari palline a maglia di lana con punti differenti, quelli adottati per la creazione di maglioncini o di sciarpe.

Palline di Natale bianche, by A casa di Sophia
La foto di sopra illustra una serie di addobbi per un albero di Natale candido e soffice, con palle di Natale fai da te create con maglia di lana lavorata ai ferri e avvolta attorno a una struttura sferica di polistirolo.

Sono una diversa dall’altra, alcune più elaborate, con trecce decorative, altre più semplici, proprio per generare superfici differenti pur utilizzando lo stesso colore e lo stesso materiale.
Si lavora dunque sulla trama. Un albero composto con questo genere di addobbi è sicuramente inedito, raffinato ed elegante, personalizzato, caldo alla vista nonostante l’uso del bianco e del verde stesso dell’albero che sono nuance fredde.

Altri addobbi natalizi per questo genere di albero possono essere delle stelle decorative rivestite sempre con della lana avvolta, pendenti di cristalli per conferire un tocco di luminosità e di brillantezza, luci bianche dal caldo tono. La base dell’albero può essere mascherata con tela di juta, il materiale caratteristico dei sacchi di patata, avvolto in modo sinuoso, creando balze e lasciato morbido per un allestimento d’effetto, natural chic.

Tutt’intorno non possono mancare i pacchi regalo e sarebbe scenografico realizzarne anche di finti per far numero, creare una cornice all’albero, conferire quell’aura magica del Natale.

Un altro esempio di palline natalizie in lana è stato composto utilizzando della lana bianca e rosa più altri dettagli decorativi quali bottoncini di nuance neutra, perline, nastro beige e coccinella portafortuna.

Attorno a una sfera di polistirolo è stato avvolto del filo di lana rosa pallido dalla sommità inferiore fino a metà struttura, il filo è stato sostanzialmente incollato alla base e poi man mano attorcigliato; si è passati in fase successiva al colore bianco e si è così coperta la parte restante della pallina, si sono aggiunti i bottoni e le perline bianche, il cordino per appendere la decorazione, il nastro in cima e infine la coccinella.

Palline di lana, by Rosy
Un’altra pallina è stata pensata interamente con della lana bianca ma decorata al centro, in corrispondenza del diametro massimo, con nastro di raso largo e bianco, poi con un cordoncino di spago, un fiocchetto di juta, un altro di nastrino a pois e l’immancabile coccinella che attribuisce alla composizione un tocco di colore deciso.

Gli addobbi albero di Natale sono davvero tanti, si può creare una moltitudine di cose che esulano dalle semplici e classiche palline, si possono fare pendenti con della pasta unendo le varie tipologie e forme, alberelli con una semplice striscia di stoffa o di cartoncino disposta a onde più l’inserimento di perline decorative, creazioni con legnetti di scarto uniti in forme sfiziose.
Con la carta e il cartoncino si danno avvio a un mondo decorativo infinito, palline composte di dischetti circolari e bloccati con bottoni in sommità, strisce di spartito unite a formare delle sfere, palline di polistirolo rivestite con roselline di carta o con semplici ritagli cartacei a formare anche delle specie di pigne.

Diffuse sono anche le palline di Natale con spago che si realizzano gonfiando inizialmente un palloncino, poi cospargendo della colla su di esso così da far aderire bene la corda che è avvolta attorno in modo casuale; una volta terminata la fase di disporre la corda attorno al palloncino e fatto asciugare il materiale collante, il palloncino può essere fatto scoppiare e ne resta la sfera di corda realizzata, di bellezza inverosimile.

Interessanti sono anche i lavori in pasta di sale e ogni altro genere di lavorazione fai da te, l’importante è cominciare in largo anticipo per non lasciarsi prendere dall’ansia dell’ultimo momento ed eseguire con calma le decorazioni, gustarle mentre si preparano e assaporarle ancora di più una volta che sono appese all’albero per un’atmosfera natalizia mai vista prima.

Pubblicato il

Scrivanie da ufficio e non solo ad altezza regolabile

Le scrivanie ad altezza regolabile sono molto comode, consentono di lavorare stando anche in piedi, si regolano in base all’altezza della sedia che si possiede.

Scrivanie moderne ad altezza regolabile

Gli arredi della postazione da lavoro vanno scelti con cura e accortezza, gli elementi devono essere funzionali per eccellenza oltre che belli a vedere, devono essere versatili e adattabili alle diverse situazioni e necessità che si presentano durante l’operosità lavorativa.

Le scrivanie ad altezza regolabile sono davvero comode, offrono la possibilità di lavorare stando anche in piedi e di regolare l’altezza in conformità a quella della sedia e alle necessità del momento.

 

Questo genere di scrivania non è solo per uffici ma adatta anche per gli studi domestici, per le camerette dei ragazzi così da garantire loro una postura corretta durante lo studio o mentre praticano qualche hobby di tipo manuale.

La migliore postura per lavorare alle scrivanie ufficio non è né troppo da seduti né troppo in piedi bensì una via di mezzo, quindi è bene avere a portata di mano una scrivania di design elettrica ad altezza variabile.

Cambiare la postura è una soluzione vantaggiosa per la schiena e per il rendimento produttivo, aiuta a concentrarsi meglio, a essere più efficienti a lavoro e quindi sostenere una spesa che risulta essere maggiore rispetto all’acquisto di una scrivania studio tradizionale ne vale certamente il sacrificio.
Scrivanie studio regolabili

Le scrivanie regolabili in altezza seguono le necessità di chi lavora; quelle realizzate da Emmesystem by Emmesystem By Emme Italia sono molto ergonomiche e utili per lavorare in piedi e seduti, per allestire postazioni operative su misura, per supportare pc e altre macchine informatiche, sistemi di controllo e tanto altro.

Dimensioni scrivanie regolabili Emme Italia
Questo genere di tavolo porta pc o comunque scrivania per ufficio è dotato di attuatore lineare LINAK® con alimentazione elettrica e pulsantiera sottopiano, è disponibile anche la versione alimentata con battery pack più telecomando.

Sono tavoli ufficio per ottimizzare le postazioni di lavoro, il comfort e la produttività, per lavorare in piedi, adatti pertanto per postazioni freestanding e indipendenti dalle prese di alimentazione, utili a creare delle vere e proprie isole operative mobili.

Scrivanie piccole e grandi Emme Italia
Il modello Comform Tecnus EVO è un tavolo a colonna con struttura di acciaio verniciato, possiede un basamento di acciaio verniciato, si regola in altezza mediante una colonna elettrica motorizzata a 3 stadi.

I cablaggi sono evoluti e nessun cavo è a vista, c’è il Comando Desk Control Bluetooth di serie mentre la Battery Pack è opzionale, è presente un pannello frontale alloggiamento centralina, l’uscita cavo di alimentazione 220/240 V, la pulsantiera di comando, il top è di dimensioni variabili secondo le richieste e comunque si può scegliere da 160 o 180 x 80 cm, oppure 150 o 170 o 200 x 100 cm.

Diversi sono i sistemi opzionali che si possono adottare per una scrivania da ufficio regolabile, ad esempio la Battery Pack, come già evidenziato, ricaricabile per alimentare i motori elettrici LINAK®, il kit telecomando a radiofrequenza, il kit inclinazione del top con sistema a frizione meccanica, le automazioni speciali, i comandi con memorie e display, gli adattatori Bluetooth e App di comando Desk Control.

Sistemi opzionali di scrivanie Emme Italia
Ci sono anche una serie di accessori opzionali alla scrivania pieghevole, come per esempio il pannello divisorio verticale, il passacavi per la gestione ordinata di tutti i fili elettrici delle macchine informatiche, la cassettiera di servizio con tre cassetti e ruote, la seduta ergonomica Task chair.
Perché scegliere un tavolo scrivania regolabile in altezza?

Le scrivanie pc devono aggiungere benessere e salute alla giornata lavorativa, gli ambienti di lavoro non sono più oggigiorno semplici aree funzionali ma spazi vitali, dove sentirsi bene ed essere così pienamente efficienti.

Se si ha la possibilità di muoversi, si è inevitabilmente più efficienti, quindi una postazione di lavoro regolabile in altezza aggiunge benessere ed ergonomia, è la soluzione ideale per la produttività nel mondo moderno.

Avere a disposizione una scrivania sit-stand dà modo di alternare momenti in piedi e seduti, di svolgere un po’ di attività fisica, di assentarsi di meno per disturbi a livello muscolare, di mantenersi più snelli giacché si riduce al minimo la sedentarietà.

Ergonomicità e versatilità delle scrivanie regolabili Emme Italia
La spossatezza e l’affaticamento muscolare si possono migliorare facendo dei semplici esercizi, occorre alternare momenti seduti e in piedi per tonificare e riportare energia al corpo, e per fare ciò è quindi necessario avere scrivanie di design regolabili.

Mantenersi in forma in ufficio oggi è molto più semplice grazie alle scrivanie regolabili, facendo dei semplici esercizi durante le pause come il potenziamento dei polpacci, il rafforza fianchi e quadricipiti, l’equilibrio su di una gamba, la distensione delle gambe, lo stretching muscolare, il rafforzamento degli arti superiori, dei muscoli femorali, dei glutei.
Ergonomia e funzionalità per le scrivanie ad altezza regolabile

Se la funzionalità è soddisfatta, allora è presente anche l’ergonomicità e i tavoli da lavoro Temptation C di Sedus sono un ottimo esempio, giacché coniugano design, ergonomia e costi contenuti.
La regolazione in altezza di questo genere di scrivanie per pc è uno dei punti forti del sistema; la tecnologia garantisce la massima flessibilità, permette di lavorare in perfetta comodità.

Scrivanie legno regolabili Sedus
Queste scrivanie per ufficio e scrivanie per ragazzi si possono regolare in cinque modi differenti così da lavorare in maniera individuale e dinamica, la regolazione può essere di tipo manuale oppure con motore elettrico con un’ampia escursione variabile da 650 a 1250 mm.

Le postazioni di lavoro si possono modificare senza alterare l’organizzazione distributiva degli arredi; il design che contraddistingue questi porta pc è all’avanguardia, lineare, di bella presenza.

Esistono differenti versioni, con regolazione manuale di uso semplice e intuitivo, con escursione da 620 a 850 mm, poi con regolazione ad attrezzo, a manovella, con cartuccia a gas ed escursione da 720 a 1180 mm, variazione a elettromotore con sistema telescopico semplice oppure doppio.

Scrivania economica Sedus
La regolazione a elettromotore con sistema telescopico semplice consente un’escursione in altezza da 720 a 1200 mm, con elemento di comando opzionale più display digitale e funzioni di memorizzazione per quattro altezze preselezionate; il sistema telescopico doppio garantisce una variazione in altezza da 650 a 1250 mm.

Le varianti messe a disposizione sono davvero tante e ciò consente di progettare e realizzare la scrivania porta pc che più si desidera e che meglio soddisfa le personali necessità.

La struttura e le gambe possono essere in acciaio bianco, in alluminio chiaro, nero oppure cromato, la forma del piano può essere lineare o angolare con estensione a forma di goccia, del tipo da conferenza, con modulo comunicazione, con estensione da riunione, con trapezio angolare, piano quadrato, piano terminale, con un’estensione a elemento a 3/4 di cerchio, con returntable.

Scrivania in legno Sedus
Il materiale del piano da lavoro può essere un truciolato di particelle fini a tre strati più bordatura laser nello stesso colore del piano, o anche in legno naturale con bordo stesso in legno naturale.

La finitura esterna del piano si può scegliere in melamminico, melamminico likewood, impiallacciato; a disposizione anche diversi adattatori per l’inserimento di ponte multifunzione, schermo protettivo, supporto monitor e lampada, supporto per stampante o PC, per notebook, pannello paragambe in plexiglas e melamminico oppure impiallacciato.

L’elettrificazione si compone di un piano scorrevole, di una vaschetta cavi, canalina fissaggio cavi, uscita per cavi, passaggio cavi, vertebra per cavi, pannello per cavi, modulo di connessione.
Consolle scrivania sempre all’altezza giusta

Il tavolo ufficio Lift Up di Fantoni è dotato di un esclusivo sistema di regolazione del piano da lavoro, da 69 cm a 118 cm, per soddisfare le esigenze ergonomiche e le mutevoli modalità di lavoro contemporaneo.

Scrivanie bianche Fantoni
I piani possono essere richiesti con forme e dimensioni differenti, si possono realizzare con pannelli nobilitati aventi bordi con taglio a 45° oppure a 90° arrotondati.

Questo genere di scrivanie naturalmente si può abbinare ad altre collezioni di tavoli disponibili in versione singola e doppia, con regolazione a manovella oppure manuale con viti di bloccaggio sulle basi, tipologie elettriche.

Scrivania piccola regolabile JUMBOFFICE
JUMBOFFICE presenta un tipo di scrivania ad altezza regolabile nella versione della linea TEKNO H REGOLABILE avente struttura a montanti a sezione quadrata in tre parti.
La struttura consente di raggiungere l’altezza di 130.5 cm mediante un movimento comandato elettronicamente, poi vi è anche una trave di collegamento con passacavi.

La struttura è di colore argento mentre i piani da lavoro possono avere la finitura di colore bianco oppure resa lignea in rovere portofino, olmo stormo, acero o in rovere grigio.

La scelta di una scrivania ufficio deve tenere in considerazione una serie di aspetti imprescindibili per lavorare in piena comodità, tra questi sicuramente l’altezza che deve potersi variare secondo la postura, la dimensione del piano di lavoro per disporre tutto l’occorrente, i sostegni ovvero la scelta di una scrivania pc a una gamba oppure a quattro, il materiale dell’intera struttura, il colore e le finiture.

Secondo la disposizione planimetrica della stanza, la superficie utile a disposizione, si potrà individuare la composizione più idonea di scrivanie, se una o più affiancate tra loro in modo lineare, parallelo, a forma di L, se tutte della tipologia ad altezza variabile oppure solo alcune secondo le esigenze.

Pubblicato il

Divano condiviso: chi realizza il tuo divano?

Il divano condiviso non è un divano qualunque bensì il frutto di un progetto di condivisione e di raggiungimento di importanti obiettivi a carattere sociale.

Il divano all’interno di una casa non può assolutamente mancare, è un arredo insostituibile, specifico per il relax quotidiano e per la convivialità domestica, può essere rivestito con tessuti e rivestimenti molteplici in linea con il mood stilistico presente.

I divani diventano addirittura protagonisti indiscussi della progettazione, difatti quando si è in procinto di distribuire la casa e di valutare l’ampiezza della zona giorno, subito si considerano le dimensioni del divano che si ha intenzione di inserire, a due o tre posti, divani piccoli oppure divano ad angolo.

 

Importante è la posizione che il divano avrà nella stanza così da programmare conseguentemente l’installazione di una parete attrezzata con televisore, stereo e altre tecnologie specifiche per abbandonarsi alla quiete, lontani dallo stress lavorativo.

L’azienda BertO realizza progetti davvero singolari, il personale è in grado di immaginare le soluzioni d’arredo imbottite prima ancora che vengano realizzate, parte da un’idea oppure da un disegno, realizza insieme alla committenza un divano e un prodotto che non esiste, arreda una camera o l’intera casa, un negozio o un albergo con stile.
Tappezzeria sartoriale BertO: divani sofà d’eccellenza

Il divano BertO non è un divano qualunque bensì un divano condiviso, fa parte della collezione della Tappezzeria sartoriale BertO, è di ottima qualità, presenta una serie di particolari che sono studiati e curati in modo certosino, è frutto di un progetto di condivisione e di raggiungimento d’importanti obiettivi di carattere sociale.

Da sempre sono propensi nel mettere in comune idee, opinioni e saperi e ciò consente loro di perfezionarsi sempre più, di realizzare divani sempre più belli e comodi soprattutto.

Divani poltrone e sofà BertO
Si tratta di una condivisione del sapere artigiano, per tramandarne il valore e la conoscenza, è lo scopo che si è dato Filippo BertO, titolare dell’azienda brianzola.

Filippo, figlio di Fioravante, entrò nell’azienda di famiglia sul finire degli anni ’90, s’innamorò del valore che questa realtà aziendale era riuscita a creare, con immensi sacrifici, tenendo presente le potenzialità ed anche le complessità di un territorio unico qual è la Brianza.

Fu proprio lui a creare un laboratorio dove i protagonisti erano proprio i tappezzieri, i falegnami, i prodotti che erano spiegati, fase per fase durante la loro realizzazione.

DIVANOXMANAGUA è il progetto realizzato in modo collettivo, attraverso una serie di sessioni di lavoro aperte a tutti, e con la partecipazione dei ragazzi della Scuola per Tappezzieri AFOL di Meda.
Ci sono state sei sessioni di lavoro durante le quali tutti hanno provato l’emozione di diventare tappezzieri per un giorno utilizzando le proprie mani; lo sforzo dei maestri tappezzieri BertO non è stato poco giacché creare un divano e coordinare il lavoro di centinaia di mani durante la creazione di un divano dal design estremamente sofisticato non è del tutto semplice.

La realizzazione del primo divano condiviso al mondo ha quindi avuto lo scopo di sensibilizzare più persone possibili sul valore del lavoro artigiano e fornire ai giovani un’esperienza formativa concreta.
Il design del #divanoXmanagua

DivanoXmanagua è un divano senza precedenti nella storia del design, è stato pensato e progettato in modo collettivo, con la supervisione del team BertO. È nato dalle mani di designer, artigiani, studenti e amici nell’arco di un percorso di co-creazione totalmente inedito, pertanto la storia di divanoXmanagua porta in sé i valori della formazione dei giovani artigiani e della solidarietà.

Il prodotto lavorato è caratterizzato da un design unico, è moderno nelle proporzioni e nel comfort, è arricchito da sofisticate lavorazioni tradizionali e sartoriali.

Divano in pelle BertO
L’intramontabile lavorazione capitonné è riproposta in chiave moderna grazie alla preziosa manualità degli artigiani del laboratorio BertO, con materiali e tecniche costruttive innovative messe in atto sia all’interno sia all’esterno del divano.

Il divano moderno in pelle DIVANOXMANAGUA possiede una struttura di legno massello e acciaio con molleggio composto di molle in acciaio biconiche e cinghie elastiche incrociate.

L’imbottitura è in poliuretano espanso a quote differenziate, i piedini sono in marmo di Carrara e il rivestimento proposto dall’azienda è in pelle nabuk; l’azienda ha incluso anche un cuscino nel design, anch’esso rivestito in pelle nabuk e di dimensioni corrispondenti a 90 x 90 cm, imbottito in piuma d’oca per garantire un comfort accogliente.

Poltrone e divani condivisi BertO
BertO offre, a tutti i propri clienti, la possibilità di co-creare insieme ai maestri tappezzieri la realizzazione del proprio divano, occorre solamente prendere contatto con l’azienda e fissare una sessione di crowdcrafting personalizzata.
DIVANOXMANAGUA: divano moderno in pelle

Il progetto DIVANOXMANAGUA è stato realizzato per tre motivi, per far provare il lavoro artigianale anche a chi non è un artigiano, coinvolgere i tappezzieri della scuola professionale di Meda in un progetto concreto sul campo e non solo nelle aule, contribuire ad aiutare i giovani meno fortunati nella scuola per falegnami di Managua: è un progetto che ha coinvolto e coinvolge tutti.

Grande entusiasmo a favore del futuro e dei giovani è emerso durante le sessioni lavorative, dedicate anche a Fioravante BertO, a favore di un investimento di una piccola realtà produttiva artigiana.

L’iniziativa, che si è sviluppata in varie sessioni, è stata un tentativo per diffondere il genere di lavoro, dal laboratorio a un mondo di persone che non sono del mestiere.

Divani in tessuto e in pelle BertO
Un gruppo di ragazzi si è adoperato con costanza e piena volontà, con entusiasmo, a realizzare soprattutto la basletta del DIVANOXMANAGUA. Il progetto solidale ha avuto un fine fondamentale ovvero quello di inserire il mondo della scuola in quello reale del lavoro.

La soddisfazione maggiore da parte dei docenti è stata quella di vedere gli studenti all’opera, come hanno trasportato il loro sapere scolastico in un’esperienza dove molti occhi e molte telecamere li hanno messi alla prova.

Gli studenti inizialmente temevano il confronto con gli esperti, avevano paura di non essere in grado di mettere in pratica i loro consigli; conseguentemente, dopo alcuni incontri, hanno iniziato a imparare in concreto tecniche nuove e ad appassionarsi in ciò che stavano realizzando, a sperimentare.

Hanno imparato come lavora un designer, come un artigliano mette in pratica le parole di un designer, a vedere come i tappezzieri insegnano il lavoro artigiano.

Il DivanoXmanagua si può realizzare su misura, si può acquistarlo online o presso gli showroom BertO, e qui i consulenti d’arredo sono a disposizione per personalizzare ogni singolo dettaglio, dal comfort alle dimensioni.

Questo divano pelle è un tipo senza presedenti nella storia del design, è nato direttamente dalle mani di designer, artigiani, studenti e amici nell’arco di un percorso di co-creazione totalmente inedito, porta in sé i valori della formazione dei giovani artigiani e della solidarietà.

Divani pelle BertO
Il design è unico, moderno nelle proporzioni e molto confortevole, è arricchito da ricercate lavorazioni tradizionali e sartoriali. La consegna è garantita entro 35 giorni nei principali capoluoghi di provincia e il trasporto viene effettuato fronte strada oppure al piano, in casa, ad un prezzo da concordare previa verifica esatta della località di consegna.

Per l’acquisto online, occorre solamente prendere contatto con il Servizio Clienti compilando il form e raccontando le personali esigenze, poi personalizzando al centimetro il divano, scegliendo fra un campionario di oltre 3.500 tessuti o pelli e ricevendo a casa i rivestimenti più adatti al proprio gusto.

Si acquista mediante un bonifico bancario, con carta di credito oppure con PayPal e infine si riceve comodamente a casa il divano scelto.

Pubblicato il

Linee essenziali e modelli green: le novità nella rubinetteria

Consigli per la scelta di rubinetterie dallo stile contemporaneo, chic o tradizionale e nuove proposte di miscelatori classificabili come veri oggetti di design.

Rubinetteria esclusiva made in Italy

La produzione della rubinetteria dal design innovativo, caratterizzata dalla robustezza dei prodotti e dall’esclusività delle forme e dei colori, si può definire come un’eccellenza tutta italiana.
Infiniti sono i modelli tra cui scegliere e numerose sono le marche in commercio.
Tra le prime aziende produttive di forme essenziali dalle funzionalità avanzate, abbiamo Grohe.
La nuova collezione di rubinetteria da cucina Essence si distingue per il suo stile minimalista e le forme sottili ispirate dall’architettura moderna.
Il tratto distintivo di questi oggetti di design è il colore che, riesce a regalare carattere all’arredo della cucina.

 

Esiste un’ampia scelta di rubinetterie da bagno e miscelatori da cucina, che si adattano a qualsiasi soluzione d’arredo.
Sono disponibili prodotti delle più importanti marche del settore, come Frattini Group Srl che seleziona con cura i prodotti per poi installarli in case, uffici, showroom, tutti realizzati in Italia, sicuri, affidabili, costruiti con materiali di prima scelta e garantiti dai principali certificati internazionali.

Rubinetteria Dueacca indoor bagno
Molti sono i brand tra i quali si può trovare l’articolo che meglio risponde alle varie esigenze di arredo di bagni o cucine, Nobili Arredamenti sas, Scarabeo Ceramiche srl, Novellini spa e tanti altri.
Tutte aziende che garantiscono al cliente rubinetterie che coniugano innovazione e tradizione, al fine di offrire prodotti dal design ricercato, funzionali e duraturi.

Nobili rubinetteria
I prodotti sono realizzati con materiali di qualità attraverso metodi di lavorazione che rispondono alle più importanti normative italiane e internazionali, particolare attenzione è posta sulla cromatura cioè il rivestimento superficiale realizzato con tecniche moderne, che garantiscono durata nel tempo, resistenza e igiene.

Miscelatore Dueacca indoor doccia

Miscelatori a risparmio idrico per il bagno

Lo spreco d’acqua è diventato un problema sempre più urgente da risolvere e lo si può fare riducendo i consumi idrici. È stata perciò apportata una importante novità ai contemporanei rubinetti : l’introduzione di dispositivi interni che permettono di risparmiare acqua limitandone la quantità d’uscita.

L’uso responsabile dell’acqua dipende dalla quantità di erogazione della stessa, quando si acquista un miscelatore bisogna assicurarsi che il valore d’acqua erogata sia pari a 6 litri al minuto.

Batteria Bianchi sanitari
Tra gli ultimissimi modelli a risparmio idrico ci sono dei rubinetti che riescono a ridurre a 4 litri al minuto l’erogazione dell’acqua, riservando una sensazione di estremo comfort dovuta al getto.

L’efficacia di tali soluzioni è garantita dall’introduzione di un piccolo dispositivo aeratore posto all’estremità della bocca d’erogazione che miscela l’acqua in uscita con l’aria, oppure dal limitatore di portata che permette un’apertura a step del rubinetto, la leva quindi si ferma a un primo livello di apertura e solo esercitando ulteriore pressione si ottiene il getto massimo; un’ulteriore soluzione è l’introduzione della cartuccia progressiva, inserita nel corpo del rubinetto e azionata dalla manopola, regolando il flusso idrico ma anche la temperatura.

Rubinetteria Fir Italia
Il miscelatore termostatico Fima Carlo Frattini Spa ad esempio, non si limita a miscelare l’acqua calda e fredda ma ottimizza le lavorazioni per un risparmio di materia prima e di energia.
Anche i rubinetti per lavabo o per lavello Fir Italia spa sono a risparmio idrico, con una portata ridotta di 6 l/m, che si traduce in un risparmio di circa il 50% dei consumi in termini di acqua erogata.
Inoltre, con Fir Italia, è possibile tenere d’occhio anche i consumi in doccia.

Miscelatori Fima Carlo Frattini
I soffioni doccia funzionano con appena 6 oppure 9 litri al minuto a seconda della dimensione, mentre i soffioni doccia multifunzione con getto pioggia, cascata e nebulizzato funzionano a partire da 10 litri al minuto a seconda del modello.
Soluzioni doccia green che consentono un’ottimizzazione della regolazione del flusso dell’acqua, mantenendo una piacevole sensazione del getto con i modelli: Nebulizer, Rain e Synergy.

Rubinetteria Dueacca lavabo
L’azienda Palazzani Rubinetterie spa ha presentato le ultime novità nel campo della rubinetteria sanitaria al Cersaie di Bologna, anche i miscelatori Palazzani sono dotati di una bocca bassa estraibile avente una cartuccia ceramica che tiene sotto controllo il getto dell’acqua, mantenendo la creatività e l’essenza del design.

Miscelatori Palazzani

Colore e design della rubinetteria

La nuova serie di miscelatori di GATTONI Rubinetteria spa denominata Color è stata creata dall’architetto Marco Pisati e studiata per minimizzare i consumi idrici e nello stesso tempo, grazie all’ampia gamma di colori, lasciare libertà di personalizzazione dell’ambiente bagno.
Nella gamma sono presenti colori classici quali il bianco e il nero, con finitura mat e la particolare tinta tabacco, oltre alle tonalità brillanti, quali il giallo, l’arancione, il rosso, il blu ed il verde.
Questi miscelatori ottimizzano i consumi e valorizzano l’oggetto di design con particolari cromatismi.

Color Gattoni rubinetteria
Da oltre 10 anni Verum Italy propone il meglio del made in Italy nel settore dei componenti per mobili, degli accessori e dei complementi per l’interior.
Passione, intuito e ricerca hanno costantemente guidato l’azienda nel suggerire al mercato italiano e internazionale delle proposte dove il design, la qualità totale e l’alto contenuto tecnologico coniugati alla funzionalità, all’estetica e all’accessibilità sono protagonisti sempre.
Verum Italy è sempre alla ricerca di nuovi materiali, finiture e lavorazioni particolari.

Nebulizer Fir italia
Dinamica e in evoluzione, forte dell’esperienza maturata, Verum Italy amplia oggi i propri confini e continua il percorso intrapreso sulla via del design, compiendo un ulteriore importante passo in direzione della sperimentazione e di nuove proposte per il mercato, diventando produttore: flessibile e sartoriale, l’azienda pone sempre il design al centro dell’indagine e presenta la prima collezione a marchio Dueacca, frutto dell’incontro sinergico tra l’intuito imprenditoriale di Umberto Vergani e la creatività del duo Adriano Design.

Rubinetteria vasca Dueacca
Dueacca è un sistema rubinetto rivoluzionario, compatto, water saving (consente di salvare dalle riserve idriche del pianeta) e dalla doppia anima, indoor & outdoor, che racconta un nuovo modo di percepire e di fruire il rubinetto.
Questo rivoluzionario sistema rubinetto è tornato quest’anno a Cersaie con nuove ispirazioni.
Miscelatori indoor ed outdoor

Rubinetteria per la sala da bagno e miscelatori per l’outdoor, prodotti radicalmente diversi, accomunati però dalla stessa filosofia: una visione di benessere personalizzato, in grado di soddisfare al meglio le esigenze di un consumatore attento e consapevole che sceglie il gusto e la comodità come valori primari.

Rubinetteria Dueacca outdoor
Ancora Dueacca: il miscelatore non è altro che un cubo di soli 45 mm, in acciaio inox, che definisce l’innovazione e la modularità di questo sistema, declinato in più soluzioni per rispondere in modo flessibile alle diverse esigenze di erogazione dell’acqua.

Rubinetteria Dueacca per esterni
Pensato dal duo torinese Adriano Design per Verum Italy, questo mix di design e ingegneria ricerca, nella semplicità e nell’essenzialità, la funzionalità del prodotto e la sua bellezza riscrivendo il concetto di sistema idraulico per offrire un nuovo livello di interazione con l’acqua.

Due miscelatori a joystick da outdoor e uno da indoor, la cui modularità viene raggiunta applicando una varietà di accessori al corpo centrale: modificando e combinando la tipologia di connettori input e output si ottiene la configurazione desiderata, angolare o lineare, da lavabo o da doccia, oppure la funzione di semplice miscelatore.

Rubinetteria bagno fratelli Frattini
La novità quest’anno consiste nell’ampliamento della gamma nella sua versione indoor.

Nove le applicazioni disponibili che permettono di ottenere diverse composizioni, adatte ad ogni tipo di esigenza progettuale: miscelatore ad incasso, ad incasso con mensola slim, miscelatore a parete con appoggio, miscelatore da appoggio, miscelatore bidet a parete con appoggio, miscelatore bordo vasca ad incasso, miscelatore bordo vasca ad incasso con doccino, kit doccia e kit doccia con doccino.
Tutte le versioni sono disponibili nella finitura in acciaio inox satinato.

Doccetta esterna Dueacca
Per la versione outdoor le applicazioni raffigurabili sono sei, tutte dotate di kit accessori per il montaggio.
Tante le configurazioni possibili: si parte dalla più semplice rappresentata dallo Starter kit, per arrivare a soluzioni più sartoriali kit molletta, kit da parete, kit doccia da parete, kit doccia albero e il kit fontanella.
A Cersaie 2017, Dueacca sceglie di mostrare soluzioni efficaci e sempre attuali, capaci di anticipare tendenze ed evoluzioni del mercato, offrendo un valore aggiunto ai nostri gesti quotidiani.

Anche Bianchi Rubinetterie presenta molte novità grafiche ed applicate nel design, ad esempio con il miscelatore monocomando Jump, nuova linea contemporanea disegnata dall’architetto Danilo Fedeli, prodotto dai dettagli unici e ricercati; oppure con il design esclusivo della batteria da bordo vasca tre fori con doccia.
Arredare il bagno: alta qualità ad ottimi prezzi

È possibile confrontare i prezzi della rubinetteria bagno non rinunciando a un’ottima qualità; l’utilizzo del miscelatore si differenzia tra lavabo d’appoggio, quello da bidet, il lavabo doccia e quello per la vasca.
Le tipologie invece sono quelle: monocomando, bicomando, termostatico, con bocche di erogazione e tanto altro.

Bianchi Rubinetterie Jump miscelatore
I prezzi delle aziende produttrici sono variabili a seconda della scelta personale che si va a fare, in qualunque caso però se seguite questi consigli non rinuncerete alla qualità del prodotto.

Si parte da una base prezzo di 12.50 € e si arriva d un massimo di 65.00 € ma anche da 65.00 a 130.00 €; da 130.00 a 300.00 € e si può arrivare a un costo che supera i 300.00 € se si desidera un design esclusivo ed una tipologia particolare di miscelatore.

Novellini Divina design
Per il fai da te c’è Leroy Merlin che, mette a disposizione una vasta collezione di rubinetteria dallo stile contemporaneo, classico chic o tradizionale per chi non ama cambiare.

La rubinetteria bidet parte da un costo minimo di 12,50 euro; quella per il lavabo da 25,00 euro; i miscelatori incasso doccia invece, partono da un prezzo di 19 euro per arrivare a un massimo di 25 nel caso in cui si desideri un miscelatore cromato, per quello esterno bisogna considerare un prezzo leggermente maggiorato.

 
I vantaggi non finiscono perché viene offerta anche la posa e l’installazione del miscelatore a domicilio, ad un prezzo fisso che parte da una base di 69 euro.
È possibile oltretutto fare acquisti online su Amazon a prezzi vantaggiosi.